Studio Bruper

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

IV Conto Energia

E-mail Stampa PDF

Cos’è

Il Decreto Ministeriale 5 maggio 2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 12/05/2011, conosciuto come Quarto Conto Energia, è riservato agli impianti di potenza non inferiore a 1 kW che entrano in esercizio dopo il 31 maggio 2011 e fino al 31 dicembre 2016.

Il meccanismo prevede, fino al 2012, l’incentivazione dell’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici mediante una tariffa costante per 20 anni a partire dalla data di entrata in esercizio dell’impianto. A decorrere dal primo semestre 2013 le tariffe incentivanti assumeranno valore onnicomprensivo sull’energia immessa nella rete elettrica. Sulla quota di energia autoconsumata sarà attribuita una tariffa specifica.

Il Quarto Conto Energia individua un obiettivo di potenza fotovoltaica da installare a livello nazionale di circa 23.000 MW ed ha previsto una progressiva e programmata riduzione delle tariffe nel tempo al fine di allineare, gradualmente, l’incentivo pubblico con i costi delle tecnologie e mantenere stabilità e certezza sul mercato. Ha, inoltre, stabilito dei limiti di costo periodici:
  • che nel periodo intercorrente tra il primo giugno 2011 e il 31 dicembre 2012 limitano l’accesso alle tariffe incentivanti per i “Grandi Impianti”, per i quali, peraltro, è prevista l’iscrizione a un Registro informatico gestito dal Gestore dei Servizi Energetici – GSE S.p.A.;
  • il cui superamento nel  periodo 2013-2016 determina una riduzione tariffaria aggiuntiva rispetto a quella programmata.

Requisiti dei soggetti e degli impianti

Possono usufruire  delle tariffe incentivanti del Quarto Conto Energia solo gli impianti fotovoltaici collegati alla rete elettrica, di potenza superiore a 1 kW, che entrano in esercizio dal primo giugno 2011 al 31 dicembre 2016 e che appartengono a una delle seguenti categorie:

  • “impianti fotovoltaici”
  • “impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative”
  • “impianti fotovoltaici a concentrazione”
  • “impianti fotovoltaici con innovazione tecnologica” (per la definizione di questa categoria di impianti si attende un decreto ministeriale)
Come richiedere gli incentivi
Dal primo dicembre 2010 il GSE ha dematerializzato le procedure di accesso agli incentivi del Conto energia fotovoltaico, predisponendo un sistema informatico di gestione delle richieste di concessione delle tariffe incentivanti e del premio abbinato ad un uso efficiente dell’energia. L’applicazione informatica con la quale i Soggetti Responsabili degli impianti o i Referenti Tecnici delegati devono  interagire per l’invio delle richieste di incentivazione e del premio è raggiungibile al seguente link: https://applicazioni.gse.it.
Nella Guida all'utilizzo dell'applicazione web per il Quarto Conto Energia è possibile reperire informazioni sull’utilizzo dell’applicazione informatica ai fini dell’invio delle richieste di incentivazione.
Le Regole applicative per il riconoscimento delle tariffe incentivanti previste dal DM 5 maggio 2011 descrivono le modalità, i criteri e le regole per la valutazione e la gestione della documentazione inviata dai Soggetti Responsabili al GSE.
Le tariffe incentivanti
In base alla tipologia di impianto, alla data di entrata in esercizio e alla sua potenza sono previste diverse tariffe incentivanti.
Inserisci i dati dell’impianto per conoscere la tua tariffa incentivante

 

Cos'è un impianto fotovoltaico



Previsioni meteo per tutti i comuni italiani e località turistiche
19°C
Roma
Sereno con innocue velature
Umidità: 69%
Vento: 2 nodi variabile






Notizie Flash da Repubblica.it

Rinnovabili, incentivi a caro prezzo ma i benefici alla fine superano i costi

Le fonti pulite sono sotto attacco per colpa del caro bollette, ma uno studio realizzato dall'Oir stima al 2030 un saldo positivo di 76 miliardi grazie alle ricadute positive su occupazione, import di combustibili e stabilizzazione della curva di domanda

ROMA - Chi più spende meno spende. Il vecchio adagio si applica anche all'energia pulita, spesso nel mirino delle polemiche in quanto ritenuta ingiustamente la principale responsabile del caro bollette. Questo almeno è quanto certifica uno studio realizzato per conto dell'Aper, l'associazione che riunisce i produttori da fonti rinnovabili, dall'Osservatorio Internazionale sull'Industria e la Finanza delle Rinnovabili (OIR), presieduto dal docente dell'Università Bocconi Andrea Gilardoni. Una ricerca promossa insieme ad "Energia senza bugie", il dossier che analizza l'impatto delle fonti rinnovabili nella bolletta energetica degli italiani e illustra costi e benefici legati allo sviluppo di fotovoltaico, idroelettrico, eolico, bioenergie e geotermia in Italia. Il risultato è che "i benefici netti complessivi stimati con prudenza al 2030 ammontano a 76 miliardi di euro".

Leggi tutto...

Notizie Flash

Il settore fotovoltaico in rivolta contro il decreto del governo

A Roma la manifestazione di imprenditori e lavoratori del settore e associazioni ambientaliste


MILANO - Da alcune settimane compare sui giornali la pubblicità di pannelli solari, a conferma dell'interesse da parte del mercato e della diffusione di questa tecnologia anche nelle singole famiglie. Oggi invece sul Corriere della Sera e su altri quotidiani italiani c'è una pagina intera a pagamento firmata da due società del fotovoltaico, Power-One e Enerpoint, di una lettera aperta al governo contro il decreto del

Leggi tutto...