Studio Bruper

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Rinnovabili: disponibili 250 mila posti di lavoro

E-mail Stampa PDF

Altri 600 mila nel comparto della riqualificazione energetica edilizia

Un impianto eolico accoppiato a una turbina a biogas in Germania (Reuters)

In un momento di crisi occupazionale come l'attuale, c'è un settore che nel 2020 potrebbe arrivare a creare 250 mila posti di lavoro, più altri 600 mila nei settori collegati e nell'indotto. Si tratta del settore delle energie rinnovabili che, in base al rapporto Comuni rinnovabili 2013 di Legambiente, realizzato con il contributo di Gse (Gestore servizi energetici) e Sorgenia, potrebbe occupare 250 mila persone, più altre 600 mila nel comparto dell'efficienza e della riqualificazione edilizia.

PREMI - Il primo premio di Comuni rinnovabili 2013 di Legambiente è stato assegnato alla Cooperativa E-Werk Prad e a Prato allo Stelvio (Bz), per i risultati raggiunti in termini di sviluppo delle fonti rinnovabili e di vantaggi per le utenze. Piacenza è stata premiata per il progetto di solarizzazione degli edifici pubblici RINNOVABILI - In Italia ci sono 600 mila impianti da fonti rinnovabili distribuiti in 7.970 Comuni (il 98% del totale). Sono 27 i Comuni al 100% «rinnovabili», che salgono a 2.400 se si considera solo l'energia elettrica. Nel 2012 le fonti pulite hanno coperto il 28,2% dei consumi elettrici e il 13% di quelli energetici complessivi. Dal 2000 a oggi 47,4 TWh (terawattora) da fonti rinnovabili si sono aggiunti ai precedenti impianti idroelettrici e geotermici. «Le fonti rinnovabili», dichiara Edoardo Zanchini, vice presidente di Legambiente, «stanno ridisegnando lo scenario energetico dell'Italia».

SOLARE - Nel rapporto, che è stato presentato a Roma martedì 26 marzo, si pone l'attenzione sui 7.937 Comuni italiani (il 97% del totale) che hanno nel proprio territorio impianti fotovoltaici. Casaletto di Sopra (Cremona) e Don (Trento) hanno il primato di impianti per abitante, rispettivamente per il fotovoltaico e per il solare termico.

EOLICO - I Comuni con impianti eolici sono invece 571, di questi 296 si possono considerare autonomi poiché producono più energia di quanta ne consumano. La potenza eolica installata (8.703 MW) è in crescita, con 1.791 MW in più rispetto al 2011. Questi impianti hanno consentito di produrre 13,1 TWh nel 2012, pari al fabbisogno elettrico di oltre 5,2 milioni di famiglie.

MINI-IDRO - I Comuni del mini-idroelettrico sono 1.053, con una potenza installata di 1.179 MW per 4,7 TWh prodotte, pari al fabbisogno di energia elettrica di oltre 1,8 milioni di famiglie.

GEOTERMICO - I Comuni della geotermia sono 369, con una potenza installata di 915 MW elettrici, 160 termici e 1,4 frigoriferi, per una produzione di 5,5 TWh di energia elettrica che soddisfa il fabbisogno di oltre 2 milioni di famiglie.

BIOMASSE - I Comuni delle bioenergie sono 1.494, per una potenza installata complessiva di 2.824 MW elettrici e 1.195 MW termici. In particolare quelli a biogas sono in forte crescita e hanno raggiunto complessivamente 1.133 MWe installati e 135 MWt e 50 kw frigoriferi termici. Gli impianti a biomasse, nel loro complesso, hanno consentito nel 2012 di produrre 13,3 TWh pari al fabbisogno elettrico di oltre 5,2 milioni di famiglie.

TELERISCALDAMENTO - Sono 343 i Comuni in cui gli impianti di teleriscaldamento utilizzano fonti rinnovabili, come biomasse «vere» (di origine organica animale o vegetale provenienti da filiere territoriali) o fonti geotermiche, attraverso cui riescono a soddisfare larga parte del fabbisogno di riscaldamento e di acqua calda sanitaria.

 

Cos'è un impianto fotovoltaico



Previsioni meteo per tutti i comuni italiani e località turistiche
19°C
Roma
Sereno con innocue velature
Umidità: 69%
Vento: 2 nodi variabile






Notizie Flash da Repubblica.it

E anche la green economy finisce in vetrina

SI MOLTIPLICANO GLI EVENTI SULL’AMBIENTE. LA 14ESIMA EDIZIONE SULL’ENERGIA SOLARE DALL’8 AL 10 MAGGIO SARÀ OSPITATA PER LA PRIMA VOLTA DALLA FIERA DI MILANO INVECE CHE A VERONA. E A GENNAIO BOLZANO ACCOGLIE KLIMAHOUSE

Valerio Gualerzi

Roma C on la “Strategia energetica nazionale” elaborata dal ministro dello Sviluppo Corrado Passera subito finita nelle secche di fine legislatura prima ancora di essere discussa, indicazioni importanti per capire tempi e direzioni della trasformazione del sistema elettrico italiano possono arrivare dalle fiere di settore. Eventi specializzati che in questi anni di affermazione della green economy hanno spesso indicato e anticipato il cammino della rivoluzione energetica in corso. Un ampio ventaglio di offerte che nel 2013 si arricchirà ulteriormente, segnando anche grandi novità come il trasloco di Solarexpo dalla storica sede di Verona. La 14esima edizione della grande esposizione dell’energia solare che lo scorso anno

Leggi tutto...

Notizie Flash

Clini: «Nessun limite al fotovoltaico»

«Giusto diminuire le sovvenzioni, ma non ci deve essere
un tetto massimo alla produzione di energia solare»

VERONA - «Non ci deve essere un limite massimo alla produzione fotovoltaica in Italia». Questa frase del ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, ha scatenato un'ovazione nella gremita sala dove si sono tenuti gli Stati generali delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica in Italia, nella giornata inaugurale del Solarexpo 2012 a Verona, la più importante fiera italiana del settore. Applauso che ha sancito la rinnovata pace tra il ministro e il settore fotovoltaico, in rivolta da circa un mese a questa parte dopo la

Leggi tutto...