Studio Bruper

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Energia, dall'Ue 24 milioni alle imprese emiliane che investono nella green economy

E-mail Stampa PDF

Il nuovo fondo di finanza agevolata si inserisce nella politiche d'intervento della Regione Emilia-Romagna verso le pmi del territorio in tema di efficientamento e di rinnovabili

Incrementare gli investimenti delle imprese volti alla creazione di beni e servizi destinati a migliorare l'efficienza energetica e lo sviluppo delle fonti rinnovabili. E' l'obiettivo del nuovo "fondo rotativo di finanza agevolata per il finanziamento della green economy", approvato dalla Regione Emilia-Romagna nell'ambito dell'Asse 3 del Por Fesr 2007-2013 e finanziato con i fondi europei. Il fondo dispone di un plafond di risorse pubbliche pari a 9,5 milioni di euro ed è gestito dal raggruppamento temporaneo d'imprese formato dai Confidi regionali Unifidi-Fidindustria, soggetto individuato dalla Regione Emilia-Romagna in seguito a gara d'appalto ad evidenza pubblica. Il 40% del totale del finanziamento sarà tramite risorse pubbliche Por Fesr, il restante 60% tramite risorse di provvista messe a disposizione dagli istituti di credito.

Le risorse complessive, pubbliche e private, ammontano a 23 milioni e 750 mila euro. "Vogliamo che le imprese - sottolinea l'assessore regionale alle attività produttive Gian Carlo Muzzarelli - possano investire nel risparmio energetico e nelle energie rinnovabili. Il fondo energia si inserisce nella politiche d'intervento della Regione Emilia-Romagna verso le Pmi del territorio in tema di green economy, uno dei settori con i più ampi margini di sviluppo e crescita per il prossimo futuro".

Il nuovo fondo di finanza agevolata sostiene gli investimenti delle imprese in efficienza energetica e fonti rinnovabili - attraverso sia produzione sia autoconsumo - e le tecnologieche consentano la riduzione dei consumi energetici da fonti tradizionali. Scopo ulteriore del fondo è promuovere la nascita di nuove imprese operanti nel campo della green economy, incentivare gli investimenti immateriali volti all'efficienza energetica dei processi o a ridurre i costi energetici dei prodotti.

Tutte le informazioni sul fondo - che sarà operativo da marzo e fino ad esaurimento risorse - saranno rese disponibili sui siti http://fesr.regione.emilia-romagna.it e

 

Cos'è un impianto fotovoltaico



Previsioni meteo per tutti i comuni italiani e località turistiche
19°C
Roma
Sereno con innocue velature
Umidità: 69%
Vento: 2 nodi variabile






Notizie Flash da Repubblica.it

L'Anea a Barcellona convegno sull'energia

L'ANEA, Agenzia napoletana energia ambiente, partecipa oggi a Barcellona al primo meeting internazionale di Shaams, progetto finalizzato ad accelerare lo sviluppo del comparto solare nel Mediterraneo. L'Anea è impegnata nel coordinamento delle attività che mirano a sensibilizzare le decisioni politiche attraverso la promozionee l'attuazione nuove strategie e nuovi meccanismi di finanziamento in materia di energie rinnovabili. Per il direttore dell'Anea Michele Macaluso, le energie rinnovabili «stanno conquistando sempre più l'interesse delle aziende che operano nel napoletano».

{loadposition art}

Notizie Flash

Parte oggi Green Week, edizione dedicata all'acqua

22 Maggio 2012 12:55 AMBIENTE

Al via oggi fino a venerdi' Green Week, la dodicesima edizione della piu' grande conferenza sulla politica ambientale europea. Con lo slogan "Ogni goccia conta", raccoglie a Bruxelles rappresentanti dei governi, del mondo dell'industria e delle universita', organizzazioni non governative che parteciperanno alle oltre 40 sessioni. Il tema conduttore di quest'anno e' proprio l?acqua: nel 2000 l'Ue ha adottato le direttiva quadro sulle acque che prevede un obbligo giuridico alla protezione e al ripristino della qualita' delle risorse idriche in Europa, indicando il 2015 come l'anno entro il quale raggiungere un "buono stato ecologico e chimico". Gia' entro quest'anno gli stati membri sono tenuti a garantire che le misure siano operative, mentre il secondo ciclo di piani di gestione deve essere completato entro il 2015, con i primi piani di gestione del rischio da inondazione degli stati membri.