Studio Bruper

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Scambio Sul Posto Update

E-mail Stampa PDF

SCAMBIO SUL POSTO: AVVIATA LA PUBBLICAZIONE DEI CONTRIBUTI IN CONTO SCAMBIO MATURATI NEL PRIMO TRIMESTRE 2009


Nei primi sei mesi del 2009 il GSE ha accettato circa 37.000 istanze di scambio sul posto per una potenza convenzionata complessiva pari a circa 200 MW.
Con riferimento a tali istanze il Gse, secondo le disposizioni dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas, ha già erogato un anticipo del contributo (pari a 50 Euro per ogni kW installato) per un ammontare complessivo pari a circa 10 milioni di Euro.
Entro il mese di ottobre verrà riconosciuto un analogo anticipo a favore degli utenti dello scambio le cui istanze saranno attivate nel periodo luglio – settembre 2009.
Al riguardo si ricorda a tutti gli utenti dello scambio che, secondo quanto previsto dalle disposizioni della Autorità, gli importi erogati per l’accettazione dell’istanza, pari a 50 Euro per ogni kW di potenza installata, rappresentano una anticipazione dei contributi che saranno man mano maturati dagli utenti nel corso dell’anno.
A seguito del buon esito delle operazioni di attivazione delle convenzioni il GSE ha altresì completato la procedura per il calcolo del contributo in conto scambio e, sulla base delle misure dell’energia elettrica immessa e prelevata comunicate dai gestori di rete e delle informazioni commerciali fornite dalle imprese di vendita, ha avviato la pubblicazione sul portale informatico scambio sul posto dei corrispettivi trimestrali di acconto maturati nel
PRIMO TRIMESTRE 2009.
Si specifica agli utenti dello scambio che nella notifica della pubblicazione del contributo trimestrale verranno evidenziati:
· il codice identificato della convenzione di scambio sul posto;
· il saldo maturato dall’utente al netto del recupero dell’anticipo del contributo erogato per l’attivazione della convenzione (pari a 50 euro per ogni kW di potenza installata);
· i passaggi operativi per la fatturazione da parte dell’utente dello scambio, laddove prevista, e le indicazioni circa l’effettuazione del pagamento che sarà comunque eseguito dal GSE solo nel caso in cui il saldo netto maturato dall’utente risulti superiore alla soglia di 100 Euro di valore imponibile (per maggiori informazioni si rimanda a quanto già pubblicato nelle Disposizioni Tecniche di Funzionamento).

Si segnala infine che nella quasi totalità dei casi finora elaborati l’anticipo del contributo già erogato dal GSE in fase di accettazione dell’istanza di scambio sul posto è risultato superiore al contributo maturato dagli utenti per il PRIMO TIRMESTRE 2009.

 

Cos'è un impianto fotovoltaico



Previsioni meteo per tutti i comuni italiani e località turistiche
19°C
Roma
Sereno con innocue velature
Umidità: 69%
Vento: 2 nodi variabile






Notizie Flash da Repubblica.it

Rinnovabili termiche, arriva il decreto ai privati 700 mln di incentivi l'anno

Con oltre 12 mesi di ritardo il governo vara il provvedimento per lo sviluppo di solare e biomasse nel riscaldamento. Fondi anche per la messa in efficienza degli edifici pubblici. Lo Stato si farà carico del 40% dell'investimento. Clini: "Non ci saranno speculazioni" di VALERIO GUALERZI


ROMA - Con un ritardo di oltre 400 giorni rispetto alla scadenza prevista, i ministri dello Sviluppo economico Corrado Passera, dell'Ambiente Corrado Clini e delle Politiche agricole Mario Catania hanno varato oggi lo schema di decreto ministeriale per l'incentivazione dell'utilizzo delle fonti rinnovabili nell'energia termica (riscaldamento a biomassa, pompe di calore, solare termico e solar cooling) e delle misure per la messa in efficienza energetica degli edifici pubblici.

Il provvedimento è un tassello fondamentale delle politiche di riconversione del sistema energetico nazionale in chiave sostenibile al quale l'Italia deve puntare anche in virtù dei traguardi fissati dalla direttiva dell'Unione europea "20-20-20" che fissa per il nostro Paese un obiettivo del 17% di energia prodotta da fonte rinnovabile entro il 2020 e un miglioramento dell'efficienza, alla stessa data, del 20%.

 

"Per quanto riguarda le fonti rinnovabili termiche - spiega una nota del ministero dell'Ambiente - il nuovo sistema incentivante promuoverà interventi di piccole dimensioni, tipicamente per usi domestici e per piccole aziende, comprese le serre, fino ad ora poco supportati da politiche di sostegno. Il cittadino

Leggi tutto...

Notizie Flash

Kyoto sorpresa: la crisi rimette l'Italia nei parametri

In marzo una flessione della domanda del 10%. Ma la vera sfida è quella che attende i Paesi da oggi al 2020

Calano i consumi di energia e così l'Italia rientra finalmente nei parametri di Kyoto, proprio nell'ultimo anno di vita del protocollo. Nel primo trimestre 2012, infatti, la domanda di energia si è ridotta dell'1,7%, ma la flessione di marzo, del 10,2%, indica un trend discendente ancora più marcato. Il tonfo è particolarmente evidente nella

Leggi tutto...