Studio Bruper

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Detrazioni fiscali per impianti fotovoltaici

E-mail Stampa PDF

detrazioni fiscali impianti fotovoltaici

Gli impianti fotovoltaici, in alternativa agli incentivi del conto energia, hanno una ulteriore forma di agevolazione da parte dello Stato: le detrazioni fiscali.
Chi installa un impianto fotovoltaico può usufruire, in alternativa agli incentivi del quinto conto energia, delle detrazioni fiscali IRPEF per recuperare il 50% delle spese sostenute per la realizzazione dell’impianto. Il recupero del 50% rimane in vigore, a seguito di proroga, fino al 31 dicembre 2013.

Queste detrazioni del 50% non sono da confondersi con le detrazioni fiscali al 65% (ex 55%) per il risparmio energetico. Queste del 65% valgono per gli impianti solari termici per la produzione di acqua calda e per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici (isolamenti, coibentazioni, serramenti, infissi, caldaie, pompe di calore, pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria, ecc…).

Come funzionano le detrazioni fiscali per impianti fotovoltaici

Vediamo il meccanismo nei dettagli.
Le detrazioni fiscali IRPEF previste per gli impianti fotovoltaici rientrano nel regime di detrazioni più generale previsto per tutti i “lavori di ristrutturazione e recupero edilizio”. Il fotovoltaico rientra tra le tipologie di interventi riconosciuti validi ai fini delle detrazioni fiscali IRPEF.

Per intenderci, le detrazioni per il recupero e ristrutturazioni edilizie, ci sono da più tempo, sono quelle che molti riconoscono come le “detrazioni del 36% per il recupero edilizio”. Qual è la particolarità oggi molto interessante?

Le detrazioni fiscali IRPEF fino a dicembre 2013 anche per il fotovoltaico

Sono tre:

1) le detrazioni possono riguardare anche le realizzazioni degli impianti fotovoltaici

2) le detrazioni, per i lavori realizzati tra il 26 giugno 2012 e fino al 31 dicembre 2013, passano dal 36 al 50% delle spese sostenute. Questa scadenza del 31 dicembre è una proroga della precedente al 30 giugno 2013.

3) per gli immobili a prevalente uso abitativo al beneficio delle detrazioni irpef si aggiunge il beneficio dell’IVA al 10% anzichè al 21%.


Quindi, tutti coloro che hanno intenzione di realizzare un impianto fotovoltaico entro il 31 dicembre 2013, oltre a pagare l’IVA al 10% (questo: sempre), possono detrarre dalle tasse IRPEF il 50% dei costi di realizzazione, fino ad un massimo di 96.000 euro di spesa, quindi presumibilmente per impianti fotovoltaici fino ai 50Kw di potenza (per almeno 500mq di superficie installativa).

La detrazione viene ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

Esempio1.
Se realizzo un impianto fotovoltaico con una spesa totale di 30.000 euro + IVA al 10% (un impianto di circa 15-20 Kw di potenza, circa 150-200 metri quadrati di superficie e produzione di 20-25mila kwh/anno).
Posso recuperare col meccanismo delle detrazioni fiscali Irpef 15mila euro in 10 anni. Quindi avrò 1.500 euro/anno di detrazioni fiscali. Ovviamente il requisito fondamentale per beneficiare di questo vantaggio è avere un reddito sufficiente a coprire tali detrazioni: se un anno devo pagare 1.200 euro di Irpef, ma ho diritto a detrarre 1.500 euro, la differenza di 300 euro non può essere messa a credito. Per queste 300 euro perdo quindi il beneficio della detrazione.

Esempio2.
Per il classico impianto fotovoltaico domestico di 3 Kw che oggi arriva a costare 6.000 euro ”chiavi in mano” + IVA al 10% (prezzi trovati in rete), puoi recuperare annualmente dalle dichiarazioni dei redditi 300 euro. Cioè: la restituzione di 3.000 euro (il 50%) in 10 anni. Restituzione che avviene tramite detrazione fiscale Irpef.

 Chi può accedere alle detrazioni IRPEF del 50%

Possono accedere alla detrazione non solo i proprietari degli immobili sui quali vengono realizzati gli impianti, ma anche gli inquilini o i comodatari. Nello specifico:

  • il proprietario o il nudo proprietario
  • il titolare di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie)
  • l’inquilino o il comodatario
  • i soci di cooperative divise e indivise
  • i soci delle società semplici
  • gli imprenditori individuali, solo per gli immobili che non rientrano fra quelli strumentali o merce.

 Cosa fare per richiedere la detrazione fiscale

Per richiedere la detrazione bisogna:

inviare all’Asl, quando previsto dalla normativa, l’apposito comunicazione dei lavori

pagare i lavori tramite bonifico bancario o postale in cui devono figurare: la causale specifica del pagamento, ed i dati del pagante e del ricevente (C.F o P.IVA)

indicare nella dichiarazione dei redditi, tra tutti quelli richiesti,  i dati catastali dell’immobile su cui viene realizzato l’impianto fotovoltaico e altra documentazione ben dettagliata sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Scarica la guida completa alle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie dell’Agenzie delle Entrate aggiornata ad Agosto 2012 (.pdf).

 

Cos'è un impianto fotovoltaico



Previsioni meteo per tutti i comuni italiani e località turistiche
19°C
Roma
Sereno con innocue velature
Umidità: 69%
Vento: 2 nodi variabile






Notizie Flash da Repubblica.it

Green economy, un motore con 1300 aziende

ENTRO IL 2014 COTA E FASSINO VOGLIONO CREARE CON L’AIUTO DI BRUXELLES E LA COLLABORAZIONE DEL POLITECNICO UN CENTRO DEDICATO ALLA RICERCA SULLE ENERGIE ALTERNATIVE. MA NON E’ L’UNICO PROGETTO SU CUI REGIONE E COMUNE PUNTANO PER FARSI SPAZIO NEL SETTORE

Torino L ontani per formazione e ideologia, il sindaco di Torino Piero Fassino e il presidente della Regione Roberto Cota sembrano accomunati nella sfida per una città e un Piemonte «sempre più verdi». Che non appare come un semplice slogan. Qualche mese fa, con il rettore del Politecnico Marco Gilli, Fassino e Cota hanno annunciato la nascita di un «Energy center»: un centro, la cui prima parte dovrebbe essere pronta nel 2014, dedicato alla ricerca e alle aziende che vogliono far crescere la propria quota “green”. Sorgerà negli spazi liberi di un vecchio insediamento industriale (la ex Westinghouse) e costerà 19 milioni tra fondi europei, risorse della Regione e stanziamenti della Compagnia San Paolo e Fondazione Crt (il Comune mette le aree). Ma uno degli obiettivi è ottenere la collaborazione finanziaria di partner privati. L’Energy center da un lato svolgerà

Leggi tutto...